Chögyal Namkhai Norbu (1938-2018) 

Eminente studioso della cultura del Tibet e maestro di vita, figura unica nel panorama spirituale contemporaneo.

Nato nel 1938 nel Tibet Orientale, Chögyal Namkhai Norbu fu riconusciuto come reincarnazione del grande maestro di Dzogchen Adzom Drugpa (1842-1924) e, indirizzato a un’educazione tradizionale, completò con successo gli studi in scienze filosofico-letterarie. Nel 1955 incontrò e ricevette insegnamenti dal suo principale maestro, Changchub Dorje (1863-1961), il cui modo di vivere e trasmettere la conoscenza dello Dzogchen sarà per lui fonte di profonda ispirazione per tutta la vita.

Quando, nel 1959, fu invitato in Italia dal celebre tibetologo e orientalista italiano Giuseppe Tucci, Chögyal Namkhai Norbu era già noto come studioso e maestro spirituale, aveva insegnato lingua tibetana a Chengdu, in Cina e da un anno si trovava in Sikkim, in India, dove lavorava come autore di saggi in tibetano. Fra le proposte ricevute, Chögyal Namkhai Norbu scelse di venire in Italia motivato in particolare dall’interesse per l’importante biblioteca di testi tibetani che lo studioso italiano aveva collezionato negli anni.

Così, poco più che ventenne, Chögyal Namkhai Norbu collaborò con il Prof. Giuseppe Tucci al catalogo dei testi tibetani dell’Ismeo (Istituto per il medio e l’Estremo Oriente) a Roma e nel 1962 divenne professore di lingua e letteratura tibetana all’Università di Napoli “l’Orientale”, dove insegnerà fino al 1992.

Chögyal Namkhai Norbu si è quindi stabilito in Italia. Nel 1971 ha iniziato a insegnare lo Yantra Yoga e nel 1976, su richiesta di studenti di diversa estrazione e provenienza, ha dato i primi insegnamenti di Dzogchen Atiyoga. Per oltre 50 anni ha quindi dedicato la propria vita a far conoscere questo antico insegnamento, autentico patrimonio dell’umanità, a migliaia di persone in tutto il mondo. 

Nel 1981 ha ispirato e contribuito alla fondazione di Merigar, il primo centro della Comunità Dzogchen. Negli anni successivi, centri simili sono sorti spontaneamente negli Stati Uniti, in Sudamerica, Cina, Russia, Australia, dando vita all'attuale e numerosa Comunità Internazionale Dzogchen, un'associazione che gode di rispetto e prestigio anche in ambito istituzionale. Nel 1983 la casa editrice Shang Shung edizioni fu fondata con lo scopo principale di pubblicare gli insegnamenti di Chögyal Namkhai Norbu e di altri maestri appartenenti alle tradizioni tibetane, buddhiste e non buddhiste, mentre i testi che egli aveva portato con sé dal Tibet e quelli che si rendevano man mano necessari ai suoi studi formarono il primo nucleo di opere che hanno dato vita a quella che oggi è la Biblioteca Zikhang.

L’impegno di Chögyal Namkhai Norbu allo studio di molti aspetti della cultura tibetana e alla conservazione del patrimonio spirituale e culturale del Tibet a beneficio delle generazioni future è stato incessante. In particolare, i suoi contributi riguardano la storia antica del Tibet, le tradizioni autoctone pre-buddhiste, usi e costumi dei nomadi, l’origine, la teoria e la pratica dell'astrologia e la medicina tradizionale tibetana.

Nel 1988 Chögyal Namkhai Norbu ha fondato A.S.I.A, Associazione per la Solidarietà Internazionale in Asia, che lavora in Tibet, India, Nepal, Myanmar, Mongolia e Sri Lanka, promuovendo progetti di cooperazione e sostegno a distanza. Nel 1989 ha fondato l'Istituto Shang Shung, con sede in Italia, per permettere a studiosi di tutto il mondo di portare avanti e sviluppare l'importante attività di ricerca e studio sull'arte e le culture orientali. In particolare, il dipartimento di medicina tradizionale tibetana e il dipartimento di lingua tibetana hanno promosso convegni e giornate di studio in tutto il mondo e organizzano corsi di formazione per futuri medici e traduttori. Il progetto Ka-ter, nato nel 2002, porta avanti progetti di traduzione delle opere di Chögyal Namkhai Norbu e di antichi testi dello Dzogchen. Nel 2018 è nata anche l’International Atiyoga Foundation che funzionerà da ombrello per tutte le entità che compongono la Comunità Dzogchen.

Chögyal Namkhai Norbu ha insegnato, a partire dal 1990, la Danza del Vajra e dal 2011 ha anche raccolto e promosso lo studio, il canto e la danza di canzoni tibetane tradizionali e moderne in un progetto chiamato Khaita. Sia la danza del Vajra e che le Danze Gioiose Khaita sono state riconosciute dal Consiglio Internazionale della Danza (CID) dell’UNESCO.

Gli innumerevoli reperti che Chögyal Namkhai Norbu ha raccolto con la propria famiglia, quali opere d’arte, oggetti di artigianato e di costume, oggetti votivi di notevole valore culturale ed etnografico, importanti fondi documentari e documenti riguardanti le sue ricerche e gli studi sulla cultura himalayana e centro asiatica sono confluiti nel MACO Museo di Arte e Cultura Orientale ad Arcidosso, inaugurato nel 2016.

Chögyal Namkhai Norbu ha ricevuto molti riconoscimenti e onorificenze, sia in Patria che all’estero, per la sua vasta attività culturale e per il suo impegno sociale. Fra questi, menzione speciale merita l’onorificenza di Commendatore al Merito della Repubblica Italiana ricevuta dal Presidente Sergio Mattarella nel 2018.

Chögyal Namkhai Norbu si è spento serenamente nella sua residenza di Gadeling, Arcidosso, GR, Italia, il 27 settembre 2018.

Libri editi in italiano:

Il libro tibetano dei morti, Newton Compton, Roma 1983.

Il ciclo del giorno e della notte. La via quotidiana dell’Atiyoga, Shang Shung
Edizioni, Arcidosso 1984.

Il piccolo canto del fai come ti pare. Shang Shung Edizioni, Arcidosso 1986.

Dzogchen. Lo stato di autoperfezione, Ubaldini, Roma 1986.

Il cristallo e la via della luce. Sūtra, Tantra e Dzogchen, Ubaldini, Roma 1987.

Un’introduzione allo Dzogchen. Risposte a sedici domande, Shang Shung
Edizioni, Arcidosso 1988.

“II canto dell’energia” di nyag-bla padma bdud ’dul, in Orientalia Iosephi Tucci Memoriae Dicata. Roma, 1988.

Dzogchen e Zen, Shang Shung Edizioni, Arcidosso 1989.

Viaggio nella cultura dei nomadi tibetani, Shang Shung Edizioni, Arcidosso 1990.

Il vaso che esaudisce i desideri. Istruzioni sulla base del Santi Maha Sangha, Shang Shung Edizioni, Arcidosso, 1993.

Lo yoga del sogno e la pratica della luce naturale, Ubaldini, Roma 1993.

Un consiglio dal profondo del cuore per mia madre Yeshe Chödrön, Shang Shung Edizioni, Arcidosso 1995.

Drung, Deu e Bön, Shang Shung Edizioni, Arcidosso 1996.

La suprema sorgente, Ubaldini, Roma 1997.

La collana di Zi, Shang Shung Edizioni, Arcidosso 1997.

“Mente, corpo ed energia nella medicina tibetana”, in La grande guarigione (in collab. con Trogawa Samphel), Ubaldini, Roma 2002.

Lo specchio. Un consiglio sulla presenza della consapevolezza, Shang Shung
Edizioni, Arcidosso 2005.

Nascere, vivere e morire, Shang Shung Edizioni, Arcidosso 2007.

Longchenpa – Trenta consigli dal profondo del cuore, Shang Shung Edizioni, Arcidosso 2010.

Yantra Yoga, Lo yoga tibetano del movimento, Shang Shung Edizioni, Arcidosso 2011

Corpo di Luce, La vita e la realizzazione di Togden Ugyen Tendzin, Shang Shung Edizioni, Arcidosso 2011